Ballata di nessuno

Ballata di nessuno.

 

Si chiedeva chi fosse stato.

Si chiedeva quanto stupido fosse

E il giovane corpo veniva sconquassato

Da un lungo eccesso di tosse.

 

Odiate lacrime gli rigavano le gote

Senza che s’asciugasse quel danno

E sapeva di aver trovato morte

Ancor prima del diciassettesimo anno

 

Pensava alla filosofia, pensava al suo amore

Ripromettendosi di non più sbagliare

Compatì la propria agonia, gemendo di dolore,

 

Si premeva il petto e non finiva di rantolare.

Si dibatteva nella vergogna, nel disonore

D’esser morto come nessuno, senza lottare.

Annunci

Informazioni su Artemis

Vent'anni circa, sarda, studia giapponese a Bologna. Coltiva parecchi hobbies, fra cui il disegno, i manga, gli anime, la scrittura e la cucina. Il suo sogno è andare in Giappone.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...